Gmg Panama. Il Papa ai giovani: siete l'adesso di Dio. La preghiera per il Venezuela

Gmg Panama

Oltre 700mila giovani per la Messa finale. E all'Angelus Francesco le vitttime di due attentati nelle Filippine e in Colombia

"Cari giovani, non siete il futuro, ma l'adesso di Dio". Non siete in sala d'attesa, ma già protagonisti. Sono le parole del Papa nell'omelia della Messa conclusiva della Gmg di Panama. Francesco è tornato stamattina al Campo Juan Pablo II, alla periferia della città, dopo l'intensa veglia di preghiera di sabato notte. Ha trovato ad attenderlo oltre 700mila giovani che lo hanno accolto con il consueto affetto ed entusiasmo. Nell'omelia ha sottolineato: "Gesù vi convoca e vi chiama ad alzarvi in piedi e realizzare il sogno con cui il Signore vi ha sognato". E' stato questo solo l'inizio di una intensa giornata che è poi preseguita con la visita alla Casa Hogar del Buen Samaritano, che accoglie giovani malati di Aids. Qui il Pontefice ha anche recitato l'Angelus, pregando per il Venezuela, per le vittime dell'attentato terroristico nella Cattedrale di Jolo nelle Filippine, per i 21 cadetti di una scuola di polizia in Colombia (leggendone i nomi), anch'essi vittime di un attentato terroristico, e infine per i morti in seguito al crollo di una diga in Brasile. A proposiito del Venezuela, ha detto: " In questi giorni a Panama ho pensato molto al popolo venezuelano, mi sento vicino a loro e chiedo al Signore che, in questo momento di difficoltà, si possa cercare una soluzione per superare la crisi rispettando i diritti umani e cercando il benessere di tutti i cittadini del Paese". Sempre all'Angelus Francesco ha ricordato anche le vittime della Shoà nel Giorno della Memoria: "Dobbiamo mantenere vivo il ricordo del passato e imparare dalle pagine nere della storia in modo da non farlo non fare mai più gli stessi errori. Continuiamo a sforzarci, instancabilmente, a coltivare giustizia, aumentare la concordia e sostenere l’integrazione, essere strumenti di pace e costruttori di a mondo migliore".

 

Leggi l'articolo completo

Fonte: avvenire.it